Login page

Installare e configurare un webserver

Al posto di imparare a creare siti web sul web, e quindi doversi subito porre il problema di trovare in rete dello spazio disponibile, conviene imparare a configurare il tutto sul proprio computer.
Il modo più semplice è usare XAMPP, dal momento che tale pacchetto è disponibile per molte piattaforme differenti, incluso il sistema operativo Windows.
Dall'altra parte è vero che tutti i pacchetti necessari sono anche presenti nei repository di Debian (e di molte altre distribuzioni), quindi questa guida propone di non aggiungere pacchetti esterni, in questo modo la cui manutenzione dei pacchetti viene effettuate insieme alr esto del sistema operativo.

Inanzitutto è necessario installare i pacchetti che ci interessano, ovvero apache e php, almeno nel mio caso. Per farlo basta dare da terminale sudo apt-get install apache2 php5.
Successivamente basta puntare il brower all'indirizzo http://localhost/ oppure all'indirizzo ip della macchina appena configurata per visualizzare la pagina web creata di default.
Se invece non appare nulla che lascia presagire il corretto funzionamento provare a dare il comando sudo service apache2 restart, oppure sudo service apache2 reload.
Se durante l'avvio del server si nota un warning contenente la frase Could not reliably determine the server’s fully qualified domain name, è possibile risolverlo aggiungendo al file /etc/apache2/httpd.conf, o /etc/apache2/apache2.conf sui sistemi basati su Debian, la voce ServerName localhost.

I file di configurazione si trovano sotto /etc/apache, mentre il file contenente tutte le configurazioni principali è /etc/apache2/apache2.conf che su Debian è diverso da quello standard (ovvero /etc/apache2/httpd.conf), mentre la cartella del webserver è di default /var/www.

Per controllare se anche php funziona, è sufficiente creare un file phpinfo.php all'interno della cartella del webserver (servono i permessi amministrativi non trovandosi nella propria home) e scrivere all'intero <?php phpinfo(); ?>, salvare il file e successivamente far puntare il browser su http://localhost/phpinfo.php. Se tutto funziona dovrebbero essere visualizzate le informazioni sulla versione di php installata.

Se vogliamo installare anche mysql (solitamente usato da diversi CMS come ad esempio joomla oppure wordpress) basta installare i reltivi pacchetti sudo apt-get install mysql-server php5-mysql

La scomodità del webserver appena creato è quella di necessitare dei privilegi di amministratori per creare nuovi file sul server locale, sopratutto se sulla macchina devono lavorare più utenti.
Per fare in modo che un utente possa creare un sito locale nella propria home, senza doversi quindi preoccupare di dover aver accesso alla cartella /var/www, basta dare nel terminale i seguenti comandi

sudo a2enmod userdir
mkdir ~/public_html
sudo service apache2 restart

Per accedere poi dal browser basterà dare il seguente indirizzo nel browser http://localhost/~nome_utente/, sostituendo a nome_utente il nome del proprio utente.
Perché gli script php funzionino anche nella cartella degli utenti si dovrà modificare il file /etc/apache2/mods-enabled/php5.conf e commentare la riga contenente php_admin_value engine Off

Questo è l'elenco degli articoli di questa categoria:

Come validare un sito: validare il proprio sito
Installare e configurare un webserver: Installare un webserver apache